Deep Neural Networks & the Nature of the Universe

source: MIT Technology Review

In the last couple of years, deep learning techniques have transformed the world of artificial intelligence. One by one, the abilities and techniques that humans once imagined were uniquely our own have begun to fall to the onslaught of ever more powerful machines. Deep neural networks are now better than humans at tasks such as face recognition and object recognition. They’ve mastered the ancient game of Go and thrashed the best human players.Risultati immagini per go game But there is a problem. There is no mathematical reason why networks arranged in layers should be so good at these challenges. Mathematicians are flummoxed. Despite the huge success of deep neural networks, nobody is quite sure how they achieve their success.

Today that changes thanks to the work of Henry Lin at Harvard University and Max Tegmark at MIT. These guys say the reason why mathematicians have been so embarrassed is that the answer depends on the nature of the universe. In other words, the answer lies in the regime of physics rather than mathematics.

First, let’s set up the problem using the example of classifying a megabit grayscale image to determine whether it shows a cat or a dog. Such an image consists of a million pixels that can each take one of 256 grayscale values. So in theory, there can be 2561000000 possible images, and for each one it is necessary to compute whether it shows a cat or dog. And yet neural networks, with merely thousands or millions of parameters, somehow manage this classification task with ease. In the language of mathematics, neural networks work by approximating complex mathematical functions with simpler ones. When it comes to classifying images of cats and dogs, the neural network must implement a function that takes as an input a million grayscale pixels and outputs the probability distribution of what it might represent. The problem is that there are orders of magnitude more mathematical functions than possible networks to approximate them. And yet deep neural networks somehow get the right answer.

Now Lin and Tegmark say they’ve worked out why. The answer is that the universe is governed by a tiny subset of all possible functions. In other words, when the laws of physics are written down mathematically, they can all be described by functions that have a remarkable set of simple propertiesSo deep neural networks don’t have to approximate any possible mathematical function, only a tiny subset of them.

To put this in perspective, consider the order of a polynomial function, which is the size of its highest exponent. So a quadratic equation like y=x2 has order 2, the equation y=x24 has order 24, and so on. Obviously, the number of orders is infinite and yet only a tiny subset of polynomials appear in the laws of physics. “For reasons that are still not fully understood, our universe can be accurately described by polynomial Hamiltonians of low order,” say Lin and Tegmark. Typically, the polynomials that describe laws of physics have orders ranging from 2 to 4.

The laws of physics have other important properties. For example, they are usually symmetrical when it comes to rotation and translation. Rotate a cat or dog through 360 degrees and it looks the same; translate it by 10 meters or 100 meters or a kilometer and it will look the same. That also simplifies the task of approximating the process of cat or dog recognition. These properties mean that neural networks do not need to approximate an infinitude of possible mathematical functions but only a tiny subset of the simplest ones.

There is another property of the universe that neural networks exploit. This is the hierarchy of its structure. “Elementary particles form atoms which in turn form molecules, cells, organisms, planets, solar systems, galaxies, etc.,” say Lin and Tegmark. And complex structures are often formed through a sequence of simpler steps. This is why the structure of neural networks is important too: the layers in these networks can approximate each step in the causal sequence. Lin and Tegmark give the example of the cosmic microwave background radiation, the echo of the Big Bang that permeates the universe. In recent years, various spacecraft have mapped this radiation in ever higher resolution. And of course, physicists have puzzled over why these maps take the form they do.

Risultati immagini per cosmic microwave background radiation

Tegmark and Lin point out that whatever the reason, it is undoubtedly the result of a causal hierarchy. “A set of cosmological parameters (the density of dark matter, etc.) determines the power spectrum of density fluctuations in our universe, which in turn determines the pattern of cosmic microwave background radiation reaching us from our early universe, which gets combined with foreground radio noise from our galaxy to produce the frequency-dependent sky maps that are recorded by a satellite-based telescope,” they say. Each of these causal layers contains progressively more data. There are only a handful of cosmological parameters but the maps and the noise they contain are made up of billions of numbers. The goal of physics is to analyze the big numbers in a way that reveals the smaller ones. And when phenomena have this hierarchical structure, neural networks make the process of analyzing it significantly easier. 

We have shown that the success of deep and cheap learning depends not only on mathematics but also on physics, which favors certain classes of exceptionally simple probability distributions that deep learning is uniquely suited to model,” conclude Lin and Tegmark. That’s interesting and important work with significant implications. Artificial neural networks are famously based on biological ones. So not only do Lin and Tegmark’s ideas explain why deep learning machines work so well, they also explain why human brains can make sense of the universe. Evolution has somehow settled on a brain structure that is ideally suited to teasing apart the complexity of the universe.

This work opens the way for significant progress in artificial intelligence. Now that we finally understand why deep neural networks work so well, mathematicians can get to work exploring the specific mathematical properties that allow them to perform so well. “Strengthening the analytic understanding of deep learning may suggest ways of improving it,” say Lin and Tegmark. Deep learning has taken giant strides in recent years. With this improved understanding, the rate of advancement is bound to accelerate.

REFERENCE PUBLICATION

Advertisements

karma chameleon (gripper)

source: Festo

00131-flexshapegripper-2140x940px

The chameleon is able to catch a variety of different insects by putting its tongue over the respective prey and securely enclosing it. The FlexShapeGripper uses this principle to grip the widest range of objects in a form-fitting manner. Using its elastic silicone cap, it can even pick up several objects in a single gripping process and put them down together, without the need for a manual conversion.

01-flexshapegripper-1532x900px.jpg

The gripper consists of a double-acting cylinder, of which one chamber is filled with compressed air whilst the second one is permanently filled with water. This second chamber is fitted with elastic silicone moulding, which equates to the chameleon’s tongue. The volume of the two chambers is designed so that the deformation of the silicone part is compensated. The piston, which closely separates the two chambers from each other, is fastened with a thin rod on the inside of the silicone cap.

02-flexshapegripper-1532x900px

During the gripping procedure, a handling system guides the gripper across the object so that it touches the article with its silicone cap. The top pressurised chamber is then vented. The piston moves upwards by means of a spring support and the water-filled silicone part pulls itself inwards. Simultaneously, the handling system guides the gripper further across the object. In doing so, the silicone cap wraps itself around the object to be gripped, which can be of any shape, resulting in a tight form fit. The elastic silicone allows a precise adaptation to a wide range of different geometries. The high static friction of the material generates a strong holding force.

insideOnce it has been put into operation, the gripper is able to do various tasks. This functional integration is a possible way of how systems and components can in future adapt to various products and scenarios themselves. The project also shows how Festo acquires new findings from nature for its core business of automation. But the aims of the Bionic Learning Network not only include learning from nature. Identifying good ideas and fostering them also plays a major part. The FlexShapeGripper came about through a cooperation with the the Oslo and Akershus University College of Applied Sciences and is an outstanding example for a close collaboration beyond company borders.

 

10 Things To Never Apologize For Again

source: Jessica Hagy‘s post on Forbes

I’m so sorry, but—” is the introductory phrase of doom. Apologizing when you haven’t made any mistakes makes you look weak and easy to dismiss, not polite. Still want to say sorry? Then just don’t say it in these 10 situations.

sorrynotsorry002

1. Don’t apologize for taking up space.

You’re three-dimensional in many powerful ways.

sorrynotsorry003

2. Don’t apologize for not being omniscient.

If you really were psychic, you’d be out spending your lottery winnings already.

3. Don’t apologize for manifesting in a human form.

sorrynotsorry004

You require food, sleep, and you have regular biological functions. This is not being high-maintenance. This is being alive.

4. Don’t apologize for being intimidatingly talented.

sorrynotsorry005

Do you detect a wee bit (or a kilo-ton) of jealousy? Good. You’re doing something more than right.

5. Don’t apologize for not joining the cult du jour.

sorrynotsorry006

If you don’t believe in the life-changing magic of the brand synergy matrix (or whatever the slide-show is selling), you’re more aware than you realize.

6. Don’t apologize for being bound by the laws of time and space.

sorrynotsorry007

Need to be in three places at once? Actually, no, you don’t.

7. Don’t apologize for not assisting the more-than-able.

sorrynotsorry008

Get your own stupid coffee, Chad.

8. Don’t apologize for not being unimpressed by mediocrity.

sorrynotsorry010

Work that gets praised gets repeated. Stop clapping for things you don’t ever want to see again.

9. Don’t apologize for trusting your gut.

sorrynotsorry009

Don’t walk down the dark creepy alley or into that closed-door meeting with the predator, okay?

10. Don’t apologize for standing up for people you care about. 

sorrynotsorry011

Because you’re tired of hearing them apologize for doing everything right.

10 Things Great Leaders Say That Creates Engaged Teams

source: LinkedIn (all rights belong to Gordon Tredgold, the author of the post)

Great leadership is about creating great relationships with your teams and inspiring them to go above and beyond. Here are 10 things that great leaders say to create highly engaged and motivated teams. They cost nothing but the returns can be amazing.

0

  1. Sorry, my fault. No one is perfect and by owning up to mistakes it builds trust, and it also sets a great example for the rest of the team. When accountability starts at the top, the rest of the team will model it.
  2. What do you need from me to make this a success? This is my favorite approach to leadership as it clearly shows that we are in this together and that their success is one of our concerns, and we are more than happy to contribute to it. It also clarifies whether or not they everything they need to be successful. Once they say I have everything I need, then they have accepted accountability for the outcome which will help increase the probability of success.
  3. I value your contribution. Everyone wants to feel valued and needed as it helps to build confidence and self-esteem. The more confident our teams are the better, as confidence is a key contributor to achieving success. What get’s recognized gets repeated and we start by recognizing contribution, as this will then lead to results.
  4. What did we learn from this that we can use next time? Mistakes are always going to happen, but by asking this question we avoid the blame game and we can look to learn from it and improve for the next attempt. I am a big fan of feed forward rather than feedback. We need to learn how we can avoid mistakes rather than allocate blame.
  5. I have complete faith in you. It pays dividends to let your teams know that you have trust in their abilities as it will help them build trust and self-confidence in themselves. Confidence and self-belief are key contributors to success.
  6. How could we do this better? There is nothing worse than an arrogant know-it-all leader who thinks he’s cornered the market in great ideas. Trust me I know I worked for several. With this one phrase, you dispel that illusion and show that you’re open to input, and that collaboration will help us achieve the best results. You never know where great ideas are going to come from, and it’s never a good idea to close down possible sources of great ideas.
  7. Do you have the capacity to do this now? Too many people struggle to say no to the boss, often committing to the workload that is both unhealthy, and will not lead to success. By asking the question, genuinely and with concern, it will allow people to agree to what is achievable without seriously over committing themselves. It also acts to remind them that we are interested in their health and success. As leaders it’s your job to set people up for success!
  8. Great job! Two of greatest words any employee can hear from their boss. Simple, zero costs and massively impactful. The more you say it, the more you will have to say it as performance will improve. What gets recognized gets repeated and you want to encourage your teams to repeat good performance, and this simple phrase will do that. Zero cost, great return.
  9. Thank You. Politeness costs nothing. A lack of politeness, on the other hand, shows disrespect and a feeling of entitlement, neither of which is going to build trust and loyalty within the team. This simple phrase makes people feel valued, recognized and appreciated, all of which are great motivators.
  10. How are you doing? No one cares how much you know until they know you care‘ is one of my favorite Theodore Roosevelt quotes and the best way to show you care is to ask people how they are doing.

Leadership is often seen as difficult and complex, but by just using these 10 simple phrases it will help you to keep it simple and create highly engaged, empowered and excited teams who will follow you anywhere and will achieve great results.

Il buon manager si vede nel momento della pausa

fonte: senzafiltro (tutti i diritti riservati all’autore Osvaldo Danzi)

C’è un brano musicale che dovrebbe avere all’incirca 60 anni, scritto da John Cage, musicista eclettico e per certi versi poco disposto a farsi costringere nei canoni della musica tradizionale, che si chiama 4’33”. Il brano, scritto per qualsiasi strumento, costringe il musicista a non suonare e dunque a prestare attenzione a tutti i suoni circostanti.

Io lo interpreto come una forma di allontanamento da sé e di richiamo all’attenzione verso l’esterno: rumori, fruscii, risatine, bacchette, calpestii. Un foglio che cade, un colpo di tosse. C’erano anche prima, ma adesso li ascolti.

John Cage usa la pausa per fermare il momento. Per concedere meno attenzione a se stesso e a ciò che si sta facendo (che nel caso di un direttore d’orchestra si tratta di interrompere l’attività più importante:  l’esecuzione di una sinfonia), per prestarla altrove.

Viviamo una tradizione di manager super-impegnati sostenuti da scuse da scolaretto che vanno dal “dottore è in riunione” a “risentiamoci fra 3 mesi, adesso siamo sotto budget” (che una volta di queste vorrei chiederlo: ma se lei che è il direttore del personale ci mette 3 mesi a chiudere un budget, che vita farà mai il direttore amministrativo-finanziario?) sono lo specchio di un management molto concentrato su di sé, su obiettivi sempre più personali e sempre meno aziendali più o meno chiari, attenti a dimostrare e sempre meno a ragionareconfrontarerelazionare. Sono quelli che continuano a guardare il computer quando sei di fronte a loro a spiegargli qualcosa di profondamente importante per te, mentre loro fanno “sì sì” con la testa.

E questo fa male all’azienda, come dimostra l’intervento di Stefan Sagmeister, designer e titolare di uno degli studi più creativi di NewYork a un TedX del 2009 (che potete godervi nella magia del sottotitolo) dove si afferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che non è stando asserragliati in ufficio che si diventa più produttivi, ma bensì conoscendo persone e temi nuovi e respirando aria diversa.

Ogni 7 anni Sagmeister chiude lo studio e si dedica ad un anno sabbatico dove viaggia alla ricerca di nuove ispirazioni, di nuove conoscenze, di nuove relazioni da far confluire nel suo lavoro, importando così nuove tendenze, attitudini, esperienze.

Elementare, considerando le tendenze di tante aziende che negli ultimi anni teorizzano l’home office, l’auto-certificazione delle presenze o l’orario flessibile, l’equilibrio fra vita familiare e benessere aziendale. Complesso, considerando certi imprenditori che devono avere “sotto controllo” i propri dipendenti anche nei casi di figure professionali che potrebbero tranquillamente collaborare da casa una parte del loro tempo aumentando efficacia ed efficienza (è statistico che da casa si tenda a lavorare quasi il doppio rispetto all’ufficio) e diminuendo costi e spazi.

Sebbene tirando un po’ di acqua al proprio (business) mulino, Expedia.it,  realizzò due anni fa uno spot pubblicitario molto azzeccato, dove Alex, bruttino, dall’aspetto generoso e con il nodo di cravatta fatto male, ride e socializza con il suo capo raccontando che i Bulgari scuotono la testa per dire sì e la chinano per dire no (“perché lui è appena stato in Bulgaria“), mentre il diligente “povero Christian”, vestito tutto in tiro, con in mano il suo caffè americano (particolare che lo certifica quasi sicuramente quale MilaneseImbruttito), rosica nel vedere la scena. (“Lui che probabilmente ha passato le ferie in ufficio”).

I Christian devono sparire. Gente che risponde alle mail a mezzanotte o perennemente connessi per dimostrare attaccamento all’azienda e efficienza 24/24 non servono più a nessuno, né mai sono serviti. Alimentano una catena di (im)produttività che esalta attività inutili generate di proposito in orari presidiati da nessuno (mail e ordini che verranno comunque lette ed eseguiti almeno 9 ore dopo) dove invece è più utile dedicarsi ad attività che ossigenino il cervello, alimentino la curiosità, stabilizzino la vita affettiva e familiare permettendo maggiore serenità sul posto di lavoro.

Non c’è niente di più palloso, inutile e dannoso di un capo o un collega che a pranzo non abbia altri argomenti che i clienti, il budget, il business e le battute sulle colleghe. Niente è più imbarazzante di un interlocutore senza interessi, senza un libro da scambiare, un film di cui discutere, un Paese da suggerire per il prossimo viaggio.

Si dice che il business spesso si fa a tavola, ma devi aver qualcosa di cui parlare. Forse è per questo che certi business-men si sono spostati sui campi da golf o nelle palestre. Stressati  dagli impegni mal gestiti e frustrati dalla totale mancanza di creatività, si finisce per confondere i valori aziendali con i propri interessi. E spesso le due cose non coincidono. “alla nostra azienda questa attività non interessa” / “splendida idea, per la nostra azienda questi sono valori importanti” mi hanno detto a dicembre due dirigenti della stessa azienda.

Io stacco.

Da quando sono consulente (ormai 5 anni), mi sono dato una regola: 40 giorni d’estate e 15 d’inverno mi fermo. Perché durante l’anno i clienti non possono aspettare e quindi macino 80.000 chilometri in macchina e 20.000 in treno. Perché durante l’anno mi alzo troppo presto e vado a letto troppo tardi. Perché durante l’anno faccio fatica a leggere libri. Perché durante l’anno ho poco tempo per la famiglia, gli amici di una vita, la scrittura, la chitarra, le playlist sull’Ipod, le passioni.

Stacco perché voglio avere qualche argomento in più da condividere durante i miei pranzi (e odio il golf e la palestra), che sia un viaggio, un aneddoto, o anche solo qualche titolo di libro fra le decine che d’inverno compro e che affollano il mio comodino impolverati in attesa dell’estate.

Anche se probabilmente non riuscirò a leggerli tutti, perché come diceva Troisi “loro sono un milione a scrivere e io uno solo a leggere“. Buone ferie.

Pazienza.

fonte: post di Raffaele Gaito

–tutti i diritti riservati all’autore–

Quando penso a come il digitale ha rivoluzionato i nostri comportamenti quotidiani e con loro il modo di vivere le nostre vite, una cosa su tutte mi sembra occupare un posto centrale e significativo in questa riflessione: la velocità. Quando parlo di velocità non mi riferisco all’indiscussa accelerazione che il progresso, soprattutto tecnologico, ha avuto negli ultimi anni al di fuori di noi. Quando parlo di velocità sto piuttosto pensando a un nuovo ritmo interiore da cui dipende la soddisfazione delle aspettative.

Non serve andare molto lontano dall’esperienza quotidiana per capire cosa voglio dire: Netflix, Amazon, Justeat, Tinder sono alcuni esempi di come di il digitale sia ormai entrato a pieno titolo nella vita delle persone modificando, di fatto, tempi e modi della loro esistenza. Non è più necessario aspettare per la puntata successiva di una serie quando la si può vedere tutta d’un fiato in una notte. Oggi è possibile ricevere in 24 ore un oggetto impossibile da trovare nel raggio di 100 Km. Aprire il frigo e trovarlo vuoto quando l’orologio segna le 21:00, vale a dire supermercati chiusi, non è più una tragedia familiare! Ora la cena la ordini con lo smartphone e te la portano fino a dentro casa… e se sei fortunato oltre al Cheeseburger nello smartphone ci trovi pure la tua anima gemella, con Tinder!

Tutto questo per dire che il luogo del cambiamento, nell’era del digitale, è prima di tutto un luogo interiore. Quello che è cambiato infatti, non sta tanto nelle cose: intrattenimento, prodotti, cibo e amore, sono rimaste pressoché le stesse di sempre, ma nel modo in cui se ne usufruisce e nel modo in cui ci si relaziona al mondo esterno. Ad essere cambiata è la velocità con la quale si ottengono le cose, frantumando tutte quelle barriere che c’erano tra noi e i nostri desideri!

Tutto questo ha un nome: Instant gratification, vale a dire gratificazione istantanea! Si tratta di un effetto collaterale dell’era digitale: un approccio alla realtà che può avere gravi conseguenze, soprattutto sui più giovani che finiscono per confondere la velocità del mezzo con la velocità del fine e si illudono che per avere successo basta trovare la formula magica. Ma, udite udite, la formula magica non esiste! L’illusione del “tutto e subito”, è alimentata da alcuni fattori che non fanno altro che nutrire l’idea che con il digitale la strada per il successo sia facile, immediata e alla portata di tutti:

  • Le vanity metricsLike e followers creano dipendenza e l’illusione di poter misurare il proprio valore nell’istante immediatamente successivo a una condivisione. Non è così! Non basta giocare per vincere; bisogna studiaresperimentare attendere.
    Ecco perché quando i risultati non arrivano il fallimento sembra totale!
  • I Fenomeni: storie meravigliose arrivate dall’America e della Silicon Valley come quella di Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook; Evan Spiegel, fondatore di Snapchat o Kevin Systrom fondatore di Instagram, tutti giovani talenti che grazie a un’idea (e un garage!) hanno avuto successo nel digitale. Oppure, senza andare così lontano, l’interminabile ascesa al successo dell’italiana Chiara Ferragni, la fashion blogger più conosciuta al mondo, che ha trasformato le sue passioni in un business da milioni di dollari.

Attraverso questi nomi e la ricaduta mediatica che le loro storie hanno avuto a livello globale sembra davvero facile sfondare nel mondo del Digitale. E per qualcuno le conseguenze di questa illusione possono essere drastiche se si perde il controllo delle proprie azioni. È la storia di una ragazza americana, Lissette Calveiro: “Voleva diventare una star di Instagram, ma si è indebitata per una somma di 10mila dollari e la sua vita era una bugia”.

Sai cosa penso? Penso che abbiamo perso l’uso della pazienza. La pazienza di cui parlo è avere visione; significa avere un mindset orientato al lungo periodo in cui la strada è tracciata da obiettivi a lungo termine e non da metriche di vanità e gratificazione istantanea. Sono gli obiettivi, i piccoli passi, i cambi di direzione che rendono la strada un percorso per il successo. Sono come i puntini di cui ha parlato Steve Jobs nel suo discorso a Stanford: “Non è possibile guardare i puntini andando avanti, dice Jobs agli studenti, potete solo unirli guardandovi all’indietro. Dovete avere fiducia. Fiducia che in qualche modo, nel futuro, i puntini si potranno unire“.

Ecco che la pazienza assume un valore fondamentale, tutt’altro che passivo. La pazienza diventa “costanza” in quell’atteggiamento virtuoso e propositivo che permette a un obiettivo di essere raggiunto e a una persona di non arrendersi e avere fiducia nel fatto che un giorno quei puntini si uniranno. La pazienza non è semplicemente saper aspettare; la pazienza è cosa facciamo mentre aspettiamo!

Ci sono storie di persone in cui pazienza e costanza hanno avuto un ruolo decisivo per il loro successo. Ecco quattro esempi:

  • Jack Ma è stato rifiutato 10 volte ad harvard prima di fondare Ali Baba e diventare l’uomo più ricco della Cina.
  • Peter Vesterbacka, co-fondatore di Rovio, aveva lanciato 51 giochi senza successo prima di scongiurare il fallimento con Angry Birds, uno dei giochi più famosi degli ultimi anni!
  • Brian Acton, rifiutato da Facebook e poi da Twitter prima di fondare Whatsapp, venduto allo stesso Facebook per un valore di 19 miliardi.
  • Leah Busque, fondatrice di TeskRabbit ha dovuto cambiare rotta decine di volte e dimettersi da CEO dell’azienda prima di chiudere l’accordo con IKEA e rivoluzionare un intero settore.

Le storie di queste persone vi stanno tutte suggerendo una cosa: innamorati del processo perché il processo è già il risultato. Il processo, infatti, non è altro che la forma della pazienza; è il risultato pratico e concreto di chi ha capito come mettere in pratica la costanza nel raggiungimento di un obiettivo.

Ecco 4 buoni motivi per i quali è necessario riacquistare la capacità di avere pazienza, nella vita ma soprattutto nel lavoro e nel mondo del digitale:

  1. Attraverso la pazienza si riscopre la TOLLERANZA
    Essere tolleranti verso gli errori degli altri e soprattutto verso i propri errori è fondamentale, perché è solo attraverso gli errori che si acquisisce esperienza e si realizza un percorso fondato sulla consapevolezza delle proprie scelte.
  2. La pazienza è l’unico modo per dare valore al TEMPO
    Per riappropriarci del tempo, cosa sulla quale negli ultimi anni abbiamo completamente perso il controllo.
  3. Bisogna avere pazienza per prendere DECISIONI ponderate
    Solo così è possibile concentrarsi sul presente e procedere valutando ogni obiettivo in modo progressivo.
  4. La pazienza è necessaria per IMPARARE
    Perché in ogni cosa è fondamentale ricordarsi che non si può sapere tutto e che imparare è il primo passo necessario.

La pazienza è un’abitudine e in quanto tale necessita di allenamento. Come fare, allora, ad allenarsi ad avere pazienza? Fai in modo che la pazienza sia parte della tua strategia, parti dagli obiettivi, metti in pratica i risultati, quelli che provengono dai successi e anche quelli che derivano dai fallimenti. Goditi il percorso e percorri il processo, perché in molti casi quella che stai correndo è una maratona e non i 100 metri! Non pensare al traguardo, ma osserva i tuoi piedi ad ogni passo, provando a sostituire la brama del successo con il raggiungimento dei risultati. Concentrati sulla resistenza e non sulla gratificazione istantanea, perché in un contesto in cui al primo fallimento il 99% delle persone abbandona la gare, vince chi ha pazienza!