2013 in review

The concert hall at the Sydney Opera House holds 2,700 people. This blog was viewed about 12,000 times in 2013. If it were a concert at Sydney Opera House, it would take about 4 sold-out performances for that many people to see it.

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2013 annual report for my blog.

2013-2014

Click here to see the complete report.

Advertisements

Knee Replacement : some hints

Knee Replacement is a surgical procedure that aims to replace the weight-bearing surfaces of the knee joint. The proximal part of the tibia and the distal part of the femur may turn out to be damaged, either because of rheumatoid arthritis, osteoarthritis, or traumatic injury. Such suboptimal conditions of the knee articulation (the largest joint in the human body) lead to pain and disability for the patient. In order to restore perfect mobility conditions, after a bone cut procedure the orthopaedic surgeon removes the damaged bone parts and most of the cartilages and knee soft tissues. The geometry of the bones, which plays a key role for the joint stability and mobility, is completely restored by means of the installed prosthetic components. A common knee prosthesis consists of a femoral and a tibial component, a patellar cap and a polyethylene insert (that replaces the menisci). Components are designed so that smooth movements and minimal wear are always ensured. In order to make the components better join to the cut bones, a specific acrylic cement can be employed during the installation.

TKR

After the surgical operation the patient normally undergoes a rehabilitation period of about 6 months. The patient slowly “learns” how to perform daily activities with their brand new knee. The ideal surgical outcome consists, in the long term, in the possibility to live a normal life without being limited by the prosthesis for most daily activities.

total vs unicompartmentalThere are many different types of implants. When Knee Replacement is found to be necessary, the surgeon discusses with the patient about the clinical needs and all the possible implants. The basic principle is to reduce as much as possible the bone volume interested by the bone cut stage. Some people can benefit from just a partial (or unicompartmental) knee replacement, that is when the prosthesis replaces only one knee compartment (medial or lateral).

Concerning the material which prosthetic components are made of, there are many constraints. As already said, the set up of a proper compromise between stability and mobility of the prosthetic joint is a great surgical challenge. Thus, each component must be at the same time strong (enough to take weight-bearing loads) and flexible (enough to avoid undesired deformations and mechanical failure). But the most important constraint is represented by biocompatibility: the risk of rejection must be avoided. Biocompatibility strongly reduces the choice of usable materials (nowadays, prostheses are mainly in titanium or cobalt-chrome alloy).

revision surgery radioIn normal conditions, knee implants ensure a 15-20 years lifespan. When pathologies or suboptimal balance conditions occur on a prosthetic knee, this value is no longer ensured and risks being strongly reduced. In such cases, the only solution is represented by revision surgery. The patient undergoes a second Knee Replacement surgery in order to remove the suboptimal prosthesis and install a new one. This leads to a new hospitalisation period, a further bone cut procedure (revision components usually have longer stems that insert into the bones, as shown by the figure) and, of course, to a second rehabilitation period. Revision surgery always turns out to be more stressful than the first one: human body doesn’t appreciate when someone is playing with its parts, thus the probability of rejection increases and the recovery period gets harder.

My PhD project aims to develop a new generation of knee implants, able to compensate for suboptimal balance conditions without the need for revision surgery 🙂

sources: uno y dos

Ragazzi, “barrez-vous”, scappate dalla Francia

dal sito di Repubblica

FML’ex direttore della comunicazione dell’International Herald Tribune, Felix Marquardt, incita i giovani francesi ad abbandonare un paese dove non è ancora vissuto come un problema la fuga dei cervelli, ma dove la disoccupazione giovanile è al 26%. Le mete consigliate: Brasile Cina e Colombia

“Ragazzi, scappate dalla Francia!”. E’ cominciata come una provocazione, ma ora sta diventando il segnale di una nuova stagione di scontento tra i giovani transalpini. Il curioso appello firmato dall’imprenditore Felix Marquardt è stato inizialmente pubblicato sulle colonne di Libération, poi ripreso anche dal New York Times. Titolo perentorio: “Barrez-vous!”, Scappate! Lo stesso che compare adesso su un nuovo libro-guida all’espatrio – 99 ragioni di andare a vedere com’è altrove – e un sito che raccoglie testimonianze di gente che abbandona la non più dolce Francia.

Un paese bello ma impossibile, scrive Marquardt, che si autodefinisce “non più giovane”: ha trentotto anni. Figlio di un’americana e di un padre austriaco, nato e cresciuto a Parigi, Marquardt descrive la Francia come una “Bella addormentata”, una nazione in declino, governata da una gerontocrazia, incapace di investire sulla propria gioventù. “Non sono antipatriottico” spiega Marquardt, abituato a rispondere a questo tipo di critica. “Credo che sia giusto andar via, cercare fortuna altrove, e poi magari tornare in questo spendido paese”. Lui vive negli aerei, è abituato a lavorare all’estero. E’ stato direttore della comunicazione all’Internationl Herald Tribune, ora ha un proprio studio di consulenza, Marquardt&Marquardt, che fa advocacy e lobbying per gruppi e governi stranieri, dall’Indonesia alla Georgia. “Nazioni che ci ostiniamo a chiamare emergenti, mentre alcune sono già più avanti di noi”.

barrez-vousE’ una posizione che fa discutere, in un paese in cui ancora non esiste, o comunque poco, il fenomeno della “fuga di cervelli”. Nel 2011, 35mila francesi sono espatriati. Erano appena 21mila l’anno prima. Il 40% ha meno di 30 anni. Una tendenza ancora piccola, ma in aumento. In Francia, la disoccupazione giovanile è arrivata al 26%. “Nessuno sa davvero come pensare ai giovani” racconta Marquardt, diventato portavoce dei nuovi espatriati. “Ai giovani viene chiesto di inserirsi, integrarsi: un controsenso”. I ragazzi sono una forza di cambiamento e trasformazione della società, continua, non l’ennesimo tassello in un puzzle predefinito. La società francese è insomma chiusa e arroccata sul suo passato, senza prospettive. “Una situazione simile a quella dell’Italia” nota l’imprenditore che vorrebbe lanciare versioni del suo movimento in tutta Europa e anche negli Stati Uniti.

La valanga di reazioni e critiche al suo appello su Libération, lo ha convinto a scrivere un libro e aprire in Rete un dibattito. Tra le destinazioni preferite dei francesi under 30 che fanno i bagagli ci sono Stati Uniti e Gran Bretagna. Londra è ormai definita scherzosamente la seconda città “francese” dopo Parigi a causa del forte numero di espatriati che hanno scelto di trasferirsi oltre Manica. Secondo Marquardt, però, bisogna scegliere di partire lontano dall’Occidente. “Per gli europei il meglio è già passato, ora tocca a brasiliani, cinesi, colombiani”. E’ in questi paesi, continua l’autore di “Barrez-vous!”, che essere francesi, italiani, o comunque europei, diventa improvvisamente un grande vantaggio.

eiffelNonostante la Francia sia depressa e pessimista sul suo futuro, appena si valica la frontiera c’è interesse e ammirazione per il french touch. Insieme a Daniel Cohn-Bendit, Marquardt ha fondato il movimento Europeans Now per ridare un po’ di slancio alla costruzione politica dell’Europa ed è diventato anche produttore di rap francese. Il suo monito ai giovani è una piccola novità per un paese che non ha mai davvero, conosciuto, fenomeni di emigrazione e ha sempre discusso per lo più di immigrati. “Non parlo di fuga” precisa Marquardt. “Consiglio di partire, tornare, ripartire”. E alla fine, forse, scegliere di invecchiare in Francia.

new post categorisation

Hello there, since on average you’re about 1000 readers per month, I’ve decided to organise all my posts in a better way. As you can see on the right column, the new categories in which all my posts are organised are:

  • -ENG for the posts in english
  • -FRA pour les publications en français
  • -ITA per gli articoli in italiano
  • Events, News and Laboratories with news about research and this blog
  • Personal for less serious posts
  • Medicine, Robotics and Technology which is the huge category!
  • 3D Printing for this awesome research area
  • Lower Limb with all the posts related to the lower limb
  • Mechanics dedicated to mechanical stuff

I hope this new structure will facilitate the research of all the posts I’ve published up to now. New updates are coming in the next weeks, so… stay tuned 😉